Il velo per l’abito da sposa e la sua storia

Il velo per l’abito da sposa, è oggi, l’accessorio più scelto dalle donne in procinto di sposarsi, e rimane un accessorio ricco di significati e di usanze.

Il primo velo per l’abito da sposa, risale ai tempi dei Romani, si chiamava Flammeum, era un velo leggerissimo e copriva il volto della sposa durante la cerimonia nuziale e poteva essere di colore rosso, giallo o arancione.

Nel Medioevo il velo era fatto di tanti strati di lino sovrapposti, fissati sul capo con fili d’oro o perline, a quei tempi, siccome molti matrimoni erano combinati, il velo serviva anche per nascondere il volto della sposa dalla vista del futuro marito, per tutta la cerimonia nuziale onde evitare un ripensamento da parte dello sposo!

Nel Rinascimento il velo divenne lungo è sfarzoso, realizzato in tessuti preziosi e sempre con colori accesi. Nell’Ottocento comparve il primo abito da sposa bianco in coordinato con il velo, così il colore bianco divenne per i canoni della Chiesa Cattolica, il colore della purezza e della verginità.

Nel Novecento si iniziò a parlare della moda degli abiti da sposa sempre in coordinato con il velo, che col passare degli anni iniziarono ad essere sempre più belli ed importanti. All’inizio degli Anni Venti il velo da sposa non era altro che un lungo strascico arricchito con ricami preziosi e bordi satinati. Negli Anni Trenta si iniziarono a vedere i primi veli corti. Negli Anni Cinquanta, con la fine della guerra, c’è un ritorno dei veli lunghi e degli abiti da sposa romantici.

Negli Anni Sessanta c’è di nuovo un ritorno alla semplicità ed il velo si adatta sempre più allo stile dell’abito da sposa. Negli Anni Settanta si iniziano a trovare i primi abiti da sposa color avorio e il velo inizia ad essere indossato per scelta della sposa senza pensare alle usanze e alle tradizioni. Negli Anni Ottanta c’è il boom delle acconciature per la sposa, molte spose scelgono di non indossare il velo per dare più importanza all’acconciatura!

Dall’inizio degli Anni Novanta fino ad arrivare alla moda degli ultimi anni, l’abito da sposa è diventato un elemento fondamentale della cerimonia nuziale, se ne trovano di svariati stili e molteplici sono i colori che vengono usati per gli abiti. E così come gli abiti da sposa anche il velo è diventato un accessorio fondamentale tanto che se ne trovano in commercio svariati tipi:

  • il velo lungo classico ( foto in alto ), che copre anche la parte anteriore della sposa, di solito fino al seno, è un velo appropriato a cerimonie eleganti, autorevoli, celebrate in grandi chiese e con abito da sposa classico.
  • Velo a cappella oppure molto lungo ( a destra), di solito arriva a poggiare sul pavimento creando un elegante strascico. Deve essere provato con l’acconciatura ed è un velo adatto alle spose che vogliono stare al centro dell’attenzione e voglio rendere il proprio abito da sposa spettacolare!
  • Il velo corto  (a sinistra) che copre il volto e arriva fino alle spalle, è adatto alle spose che preferiscono indossare un abito corto oppure un abito molto semplice.
  • Il velo-scialle, ( a destra) viene portato sulle spalle ed è adatto ad abiti da sposa molto scollati e agli abiti a due pezzi con gonna e corpetto.
  • Il velo a mantello, ( in basso a sinistra) va appoggiato sul capo e scivola sul vestito. Può essere valorizzato applicando su di esso un bordo di raso o di seta dello stesso colore dell’abito da sposa, oppure per le spose più trasgressive un bordo colorato!
  • Il velo a taglio vivo ( in basso a destra) è il più semplice, senza pizzi e bordini.

Quasi tutti i veli vanno indossati trattenuti da coroncine di perle o fiorellini, da fermagli fra i capelli, oppure con pettinini sempre da inserire tra i capelli.

Come abbiamo visto ci sono svariati tipi di veli da sposa, dalla forma rotonda o dalla forma a punta, in tulle, in seta, in pizzo, ma l’elemento più importante nella scelta del velo per l’abito da sposa è quello di non esagerare nella scelta per non appesantire la figura della sposa. È bene sapere che il velo non andrebbe indossato per le cerimonie con rito civile, per le donne che si sposano in seconde nozze e per le spose oltre i 40 anni, per loro molti stilisti e case di moda consigliano d’indossare un cappellino con veletta.

L’uso del velo è sconsigliato anche alle donne che portano gli occhiali. Siccome in molti paesi c’è ancora l’usanza di  far passare di generazione in generazione lo stesso velo, considerato più fortunato di uno nuovo, soprattutto se appartenuto a una donna felicemente sposata, qualora la futura sposa decidesse di utilizzarlo, è meglio portarlo con sé al momento della scelta dell’abito da sposa, per evitare che il colore del velo sia in contrasto con quello dell’abito.

Il velo risulterà tanto più elegante quanto meno appesantirà la figura e lo stile della sposa. Molte donne oggi non rinunciano ad indossare il velo perché è un accessorio che regala una nota di romanticismo alla cerimonia nuziale e dona all’abito da sposa quel tocco di raffinatezza ed eleganza.

L’importante è che il velo che si deciderà di indossare verrà portato con disinvoltura dalla sposa senza essere d’intralcio nei movimenti e marcando molto la femminilità e il carattere della donna che lo indossa!

Lascia un Commento

Seguici su…
Cerca il tuo atelier!

clicca sulla regione per scoprire l'atelier più vicino a te!
Valle d'Aosta Piemonte Liguria Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Toscana Umbria Lazio Marche Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sardegna Sicilia

© 2017 Abiti da sposa Blog is developed by Puntocomunicazione